La Sciamana di Andrzej Zulawski

la sciamana racconta il rapporto tra una giovane donna dall’ambigua e magnetica sessualità ed un antropologo affascinato dallo sciamanismo, impegnato nello studio di una mummia appena rinvenuta in un buono stato di conservazione. sintetizzare un racconto così discontinuo, forsennato e surreale è difficoltoso, basti sapere che si procede per vortici rapidissimi, elusività di vario genere, sopra-tono recitativo ben oltre la teatralità, insomma il ventaglio stilistico cui zulawski da sempre ha abituato il suo pubblico, sommato questa volta ad un’esasperazione tematica che verte sia verso una sessualità insistente e spinta sia verso continui rimandi blasfemi. la cavalcata apocalittica assume questa volta, ben oltre la ferinità psicotica cui comunque il racconto (dal tono sempre più horror) aderirà, dei connotati esplicitamente satanici, oscuri, orgiastici. mentre la narrazione perde di spessore acquisisce un impatto emotivo destabilizzante, al limite della leggibilità, scarsamente sostenibile: ci si trova dinnanzi ad un tour de force che limita gli stimoli ad una variazione su di un tema che si chiarisce man mano che ci si avvicina al finale (laddove invece, per fare un esempio, in possession gli stimoli si moltiplicavano all’inverosimile) e che con questi stimoli martella, vandalizza, massacra.

durante un dialogo (similmente alla totalità degli scambi verbali in preda al delirio quasi completo) il protagonista si getta in una rivendicazione metafisica quasi-epistemologica: assume che sia la mente a contenere l’anima e che certe persone abbiano un’anima così grande da far sì che al suo interno manchi lo spazio per un cervello. questo film sembra proprio un esempio di qualcosa che è talmente esondante di una vitalità carnale (tanto carnale da rivolgersi contro la spiritualità) da essere privo di razionalità. esonda di continuo più che eludere passaggi fondamentali per la sua interpretazione (come accadeva, appunto, in possession, che forte di una simile procedura si rendeva più allucinazione che narrazione organica) e così facendo si rende flusso, confusione, baccanale oscuro e malato che sembra ammiccare a svariate culture di riferimento ma che gira soltanto a vuoto. il linguaggio di zulawski sembra quello di un intellettuale impazzito, volontariamente distante da qualsiasi pianificazione, abbandonato ad un delirio quasi rituale (come rituale del resto è l’uso dei temi musicali) e carico d’odio e rabbia. con questo film non ottiene certo il suo episodio più radicale (il più programmatico, confusionario, destabilizzante) ma senza dubbio il più estremo (ossia il più martellante, il più faticoso, il più oltraggioso, il più feroce). la sua ferocia, lontana dalla lucidità crudele dei suoi apici in filmografia (il già citato possession e amore balordo) è talmente insistita ed insistente da farsi sfiancante, da somigliare al vandalismo pornografico di una reiterazione sempre più macabra e sempre più malata che non cede per un solo istante il passo a cali di ritmo (teorico quanto stilistico).

la sciamana è un episodio potente e vitale pur nel suo essere fondamentalmente un inno alla morte (e al morire). l’oppressione della sua poetica si è resa ormai onnipresenza di un linguaggio-flusso ben preciso (non del tutto autoriale, come in altra sede si è già detto) che lo rende immediatamente inavvicinabile per chiunque vi si addentri senza la giusta preparazione (il rischio è quello di un completo fraintendimento di intenti e modalità). per tutti gli altri questo film rappresenta una variazione su di un tema ben deciso, ben chiaro e consapevole.

[★★☆☆☆]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...