Batman v Superman: Dawn of Justice di Zack Snyder

in risposta all’universo sempre più colorato, sgargiante e buffonesco della marvel (in una continua reinterpretazione di sé stesso in un crescendo di auto-ironia) il prologo alla nuova saga supereroistica made in dc comics apre le danze in modo cupo, quasi apocalittico, spietato e sfacciatamente pomposo. il compito di mettere su questo carrozzone di intrattenimento anti-‘risate-e-spensieratezze-per-tutta-la-famiglia’ è affidato a snyder: al di là di linee guida inevitabilmente stabilite dalla produzione il taglio autoriale e registico emerge in modo piuttosto deciso (nel bene e nel male).

dalla sua il film mantiene un’estetica piuttosto corposa, alcune scene di forte impatto visivo (le trovate plateali di snyder offrono riletture piuttosto godibili, tra tutte l’ennesima riproposizione della morte dei genitori di wayne e in generale tutta l’introduzione ed alcune scene d’azione più in là) ed il costante tentativo di inspessire il tema trattato con inserti metaforici (tutto il sottotesto cristologico) o critici (le frequenti parentesi riguardanti il giornalismo e i media) o etici (la contrapposizione dei due protagonisti sembra essere prima etica – superman sembra buono, batman uccide senza pietà – che spirituale – il sopracitato metaforismo che contrappone l’uomo/demone al superuomo/dio).

sorprende in positivo la figura dell’uomo pipistrello, massiccio ed incrudelito, e l’immaginario legato ad i suoi sogni (a volte profetici) abbinato al suo incedere da macchina da guerra (tra parole d’odio e massacri) mentre quella dell’alieno salvatore dell’umanità è sostanzialmente invariata dal precedente man of steel. colpisce negativamente il personaggio di luthor, sgradevole ed inutilmente caricato, inutile collage di influenze che paradossalmente suona più derivativo, meno d’impatto e più goffo persino della (priva di pretese) risposta italiana al cinema super-eroistico delle grandi produzioni. a seguire uno stuolo di personaggi che compaiono soltanto per preludere ai film che seguiranno questo (tutta la justice league, accennata in fretta e furia in qualche minuto di video di presentazione): capeggia la schiera wonder woman, chiave di volta della campagna pubblicitaria e sorprendentemente apice dell’inutilità della maggior parte delle scelte narrative e sceneggiaturiali del film.

snyder mette su una storia con una frettolosità disarmante che arriva a sorvolare praticamente su tutti quelli che potrebbero essere i suoi centri nodali e a soffermarsi invece su scene inutili, inutilmente declamatorie, inutilmente frastornanti. laddove il quantitativo di carne al fuoco aumenta a dismisura (l’ultima mezz’ora ingigantisce la portata senza ritegno: un cattivone lanciato sulla piazza a caso, un’alleanza senza alcun motivo apparente, supereroi che compaiono all’improvviso senza avere alcuna utilità, un sacrificio immotivato, l’inutile profezia conclusiva, la scena finale che prelude ad una resurrezione rendendo ancora più inspiegabile il sacrificio che l’ha preceduta) il ritmo narrativo non cede di un passo continuando ad alternare frasi d’effetto a scene d’azione ed arrivando in questo modo a ridicolizzare tutto l’impianto del racconto vero e proprio. la ricerca della spettacolarità, di una seriosità lirica, di un continuo pathos quasi-apocalittico di snyder si arenano quindi in un goffissimo tentativo di rendere gigantesco un film che probabilmente sarebbe potuto essere migliore semplicemente focalizzandosi su alcuni punti di forza.

in questo modo invece anche lo scontro tra i due protagonisti assume i ridicoli connotati di una scaramuccia causata dalla macchinazione del cattivo di turno. tristemente, invece che offrire un sano prodotto di intrattenimento venato da qualche riflessione (senza troppe pretese, ma comunque efficace) snyder ottiene proprio qualcosa di ridicolo, appunto. e il ridicolo maschera e mortifica anche il buono che è disseminato qua e là.

[☆☆☆☆☆]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...