Spider di David Cronenberg

fiennes fa lo schizoide uscito dal manicomio che torna nel luogo in cui è stato da bambino. rivive roba della sua infanzia e quelli che sembrano ricordi e poi si rivelano essere memorie interiorizzate e stravolte in stato quasi allucinatorio.

si parla di complesso di edipo non superato. il bambino vede un’altra donna al posto della madre e la avverte come un’intrusa.

il racconto è rallentato da una serie di intramezzi che alternano il piano del presente a quello del passato (che al tempo stesso è un’alternanza tra esterno/interno, il piano attuale del vivere e quello interiore del ricordare -o meglio, del creare un ricordo-) con un incedere che di fatto sembra mascherare una pochezza narrativa di fondo.

la camera segue stancamente uno stancamente schizofrenico protagonista. i suoi farfugliamenti tediano dopo i primi minuti, come il suo scribacchiare parole incomprensibili. l’unica cosa che potrebbe avere una risonanza suggestiva (le ‘tele’ che il tizio tesse per le stanze che abita) non ha rilievo concettuale né estetico.

ad essere preponderante (su di una sceneggiatura sonnolenta e su di una stilistica come sempre tendente al fantasmico) è il ritmo pesante, sinistro e dilungato, e prima che lo si possa pensare no, non cerca di riprodurre la psicologia del protagonista, quanto piuttosto di incastrarne gli esiti in un’impalcatura narrativa rallentata, pacata, a tratti inconsistente.

cronenberg non sembra convinto dal materiale di partenza. quel che ne esce fuori è una pillola di noia che dovrebbe basarsi sulla recitazione di fiennes ma non lo fa e che potrebbe basarsi sulla struttura psicanalitica che però non convince.

[★☆☆☆☆]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...