Kill Bill Vol.2 di Quentin Tarantino

(articolo in via di revisione)

il secondo volume rallenta un po’ il ritmo, aggiunge un po’ di drammaticità, tratta la parodia come parte della sceneggiatura e non come nucleo narrativo. non si hanno scene d’azione dementi ed entranti, moleste parti fumettose, combattimenti idioti. i combattimenti sono pochi e sono sempre inseriti tra un lungo dialogo e l’altro. unica parte a’ la vol.1 è quella del flashback sull’allenamento dal maestro di arti marziali.

lo stile resta sempre quello pesante e pasticciato del tarantino iconico, eclettico e confuso.

decisamente superiore al film precedente, non si priva comunque di fastidiosi giri a vuoto. per fortuna il ritmo è altalenante e faticoso, volutamente faticoso, e non si cede con troppa comodità all’idiozia.

è semplicemente più adulto del vol.1, e quello che là era esibito con insistenza quasi adolescenziale qua è ridimensionato (non abbastanza da essere minimizzato) e reso una parte del continuum strutturale. il finale è carino, quasi non sembra di star vedendo un film di tarantino.

la regia azzarda meno rispetto al precedente, in questo senso riesce anche a risultare (nella maggior parte dei casi) più credibile.

tarantino sa scrivere e creare ritmo col suo vaniloquio iperrealista, quando lo fa la situazione migliora appena. purtroppo la deriva iconica sembra quasi irrimediabilmente distruttiva e il film non riesce a sembrare meno vuoto, pretenzioso e stupido.

per fortuna, questa volta, in modo appena più godibile.

[★☆☆☆☆]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...